Blog Dell'Autore Di Finanza E Degli Affari

Come calcolare il costo del credito commerciale


Le piccole imprese utilizzano generalmente i conti da pagare come principale fonte di finanziamento. Gli account pagabili o il credito commerciale sono ciò che le aziende devono ai loro fornitori di inventario, prodotti e altri tipi di beni necessari per gestire l'attività.

È stimato dalla maggior parte degli esperti che le piccole imprese in genere hanno fino al 40% del loro finanziamento dal credito commerciale - ciò che devono ai loro fornitori. È certamente la più grande passività corrente operativa sul bilancio di una piccola impresa. Più piccola è la società, maggiore è la percentuale probabile di credito commerciale come passività corrente.

Come funziona il credito commerciale

Quando un'azienda acquista da un fornitore, tale fornitore è spesso disposto a consentire alla società di ritardare il pagamento. Quando il fornitore consente il pagamento ritardato, in effetti il ​​fornitore sta estendendo il finanziamento alla società. Questo credito diventa una fonte di finanziamento del capitale circolante per l'azienda. Per le piccole imprese e le start-up, il credito commerciale può essere l'unico finanziamento che hanno. I fornitori lo sanno e tengono d'occhio i loro crediti e le società che detengono credito con loro.

Scegli i tuoi fornitori con cura

Quando si aprono le porte della tua attività, una delle tue prime attività dovrebbe essere quella di scegliere con attenzione i tuoi fornitori. Desiderate scegliere i vostri fornitori non solo per i prodotti che possono offrirvi, ma anche per il loro credito commerciale. Se sei un business nuovo o in crescita, certamente vuoi scegliere fornitori che offrono credito commerciale e preferibilmente quelli che offrono generosi termini di credito commerciale.

Quando scegli i fornitori, generalmente fai una presentazione o una proposta a quei fornitori. Assicurati di sottolineare la quantità di spazio pubblicitario necessario e la quantità di spazio pubblicitario che prevedi di andare avanti nel futuro. Vuoi rendere la tua azienda attraente per il fornitore come una società degna di credito commerciale. Maggiore è il numero di attività svolte con un fornitore, migliore sarà la posizione negoziale rispetto alle condizioni del credito commerciale con tale fornitore.

Il costo del credito commerciale

Detto questo, vi è un costo associato al credito commerciale concesso alla vostra azienda dai vostri fornitori. I fornitori sono probabilmente nella stessa posizione in cui ti trovi per quanto riguarda il flusso di cassa, quindi il costo effettivo di ciò che acquisti dai fornitori è spesso superiore a quello che pagavi in ​​contanti. Non solo devi assorbire il prezzo di acquisto più alto, ma devi calcolare il costo effettivo del credito commerciale.

Le aziende che offrono credito commerciale della tua azienda hanno una politica di credito, così come hai una politica di credito per i tuoi clienti. Quella politica di credito può avere termini di scambio che assomigliano a questo: 2/10, netto 30. Ciò significa che il fornitore ti offrirà uno sconto del 2% se paghi il conto in 10 giorni. Se non si prende quello sconto, il conto è dovuto in 30 giorni. Se ti vengono offerte queste condizioni di vendita da un fornitore, cosa significano?

Un esempio del costo reale del credito commerciale

Qui possiamo usare una formula per calcolare il costo del credito commerciale. Questa formula è anche chiamata il costo di non prendere lo sconto. Diciamo che alla tua azienda sono offerte le condizioni di scambio di 2/10, 30 euro. Ora, dobbiamo immaginare uno scenario in cui la tua azienda non è in grado di prendere lo sconto del 2%. In altre parole, non hai il flusso di cassa per pagare il conto e ricevi lo sconto entro 10 giorni, cosa ti costerà?

Ecco la formula per calcolare il costo di non prendere lo sconto:

Percentuale di sconto ÷ (1-Sconto%) x [360 / (Giorni di pagamento totali consentiti - Giorni di sconto)]

Ecco una spiegazione dettagliata della formula usando l'esempio sopra riportato: 2/10 netto 30.

  1. Dividere la percentuale di sconto, 2%, per (100% - 2%), la differenza del 100% meno la percentuale di sconto del 2%. È pari a 2.0408%
  2. Dividi 360 giorni nominali in un anno, in base alla somma dei giorni di pagamento totali consentiti (30 giorni) meno i giorni di sconto consentiti (10 giorni). È uguale a 18.
  3. Moltiplicare il risultato del 2.0408% per 18. È pari al 36,73%, il tasso di interesse reale annuo addebitato.

Secondo i termini del nostro esempio sopra, il 36,73% è il costo di non prendere lo sconto. Potresti ottenere un'unione di credito o un prestito bancario a un tasso inferiore a quello.

Utilizzo del credito commerciale

La vostra azienda dovrebbe utilizzare il credito commerciale per acquistare il proprio inventario e forniture o un'altra fonte di finanziamento? Se la tua azienda ha il flusso di cassa gratuito per prendere lo sconto offerto in termini di credito, allora sì. Tuttavia, dovresti calcolare il costo del credito commerciale o il costo di non prendere lo sconto, come nella sezione precedente.

Se non hai il flusso di cassa per prendere lo sconto, di solito stai meglio con una forma più economica di finanziamento. È sempre meglio avere abbastanza flusso di denaro a portata di mano per ottenere lo sconto.


Il Video Da Parte Dell'Autore:

Articoli Correlati:

✔ - I migliori calzini da uomo del 2019

✔ - QuickBooks Online Semplice software di contabilità iniziale

✔ - Cos'è una stazione di trasferimento dei rifiuti?


Utile? Condividi Con I Tuoi Amici!